uid_1262c23e939.580.0

Buon pomeriggio amici,
oggi vi voglio portare all’attenzione un argomento che interessa tutti noi da vicino: la pulizia della casa.
I prodotti che noi utilizziamo quotidianamente sono eccezionali in termini di risultati, ma nella maggior parte dei casi sono dannosi per l’ambiente. Per ovviare a questo problema, ognuno di noi potrebbe cercare a suo modo di abbassare i livelli d’inquinamento attraverso alcuni piccoli accorgimenti. Questo è possibile cercando d’intraprendere una pratica che ultimamente si sta diffondendo parecchio, ovvero l’auto-produzione dei detersivi. Facendo in questo modo si avrà una minore produzione di contenitori in plastica in giro e si avrà nel contempo una maggiore garanzia di naturalità del prodotto.

Vediamo come.
In commercio già esistono dei detersivi ecologici che però talvolta rispetto a quelli tradizionali sono abbastanza costosi.
Una prima tipologia è lo spray al bicarbonato perfetto per la pulizia di vetri, per il piano della cucina, per il forno e il frigorifero. Per realizzare questo spray avremo bisogno di 48 g di bicarbonato di sodio e ½ l di acqua meglio se l‘acqua è distillata. L’acqua distillata si può acquistare in lattine oppure si può ricavare dallo scarico del condizionatore. Per realizzare questo spray bisogna mettere l’acqua in un contenitore e aggiungere il bicarbonato. Poi successivamente l’intera miscela dovrà essere trasferita all’interno di uno spruzzino. L’importante è che il bicarbonato si sciolga bene, non devono rimanere i grumi.

Sempre con il bicarbonato è possibile realizzare la crema detergente al bicarbonato che di solito viene utilizzata per la pulizia di sanitari e pentole che talvolta possono presentare residui di cibo bruciato e incrostazioni, quindi questo prodotto grazie alla sua azione leggermente abrasiva risulta particolarmente efficace. Gli elementi che ci servono per realizzare questa crema sono: 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio, dell’acqua, il quantitativo non è specificato, dipende dalla consistenza che vogliamo dare al prodotto, se più fluido o meno fluido, 2 gocce di detersivo per i piatti meglio se biologico e poche gocce di olio essenziale di timo o bergamotto, che ha proprietà antibatteriche. Tutti gli elementi vanno uniti all’interno di una ciotola e mescolati fino ad ottenere la consistenza desiderata.

Volendo usare invece l’acido citrico, si può realizzare sia una soluzione all’acido citrico, che funge allo stesso tempo da disincrostante e anticalcare, e che quindi può essere utilizzata come anticalcare sui rubinetti, oppure come brillantante e disincrostante in lavastoviglie. Per realizzare questa soluzione avremo bisogno di 150 gr di acido citrico e 1 l di acqua distillata, che dovrà essere a temperatura ambiente così da permettere all’acido citrico di sciogliersi completamente. (Si può realizzare anche l’ammorbidente all’acido citrico, basta versare questa stessa soluzione all’interno della vaschetta dell’ammorbidente.)

Se si vuole invece realizzare un detersivo pre-trattante per macchie si può utilizzare il percarbonato, diluito poi in acqua. Questo composto può essere utilizzato da versare solo su capi bianchi almeno un’ora prima del lavaggio. Oppure si può lasciare in ammollo per 30-60 minuti se stiamo trattando capi colorati o per una o due ore in caso di capi bianchi, se si vuole ottenere un effetto igienizzante e disinfettante.
La soluzione dovrà essere composta da 5 litri di acqua tiepida e 1 cucchiaio di percarbonato.

Si può pensare anche di realizzare un prodotto Pulitutto, che potrà essere utilizzato anche per i vetri, per farlo dovremmo utilizzare 100 ml di alcool bianco per liquori a 95°, 400 ml di acqua distillata, 8-10 gocce di detersivo per piatti biologico, qualche goccia di olio essenziale a scelta. Il nuovo composto verrà realizzato diluendo il detersivo per i piatti biologico con l’alcool per liquori, poi si aggiungono l’olio essenziale e l’acqua distillata e poi si potrà utilizzare mediante uno spruzzino.

detersivi ecologici

E’ risaputo inoltre che i detersivi più inquinanti per l’ambiente sono quelli che vengono di solito utilizzati per gli ingorghi nelle tubazioni di bagno e cucina. Questi prodotti che hanno proprio l’obiettivo di sturare gli scarichi otturati, sono realizzati con acidi, che sono altamente corrosivi per le tubature e dannosi per la pelle e gli occhi.

Per realizzare un prodotto del genere in grado d’intervenire sugli scarichi otturati, bastano 150 gr di sale fino da cucina e 150 gr di bicarbonato di sodio oppure soda da bucato. Questa polvere dovrà essere versata preventivamente nella tubazione e poi subito dopo bisognerà versare una pentola di acqua bollente. Importante è che l’acqua venga versata subito, altrimenti questa polvere tenderà ad accumularsi lungo le pareti dei tubi ostruendole ulteriormente.

In questo modo abbiamo visto amici com’è semplice realizzare dei detersivi ecologici, che oltre a farci risparmiare denaro, ci consentono di salvaguardare la nostra salute quella dei nosri cari e quella dell’ambiente.

È importante, che dite iniziamo a farci un pensiero? (vale anche per voi maschietti!;))
Un abbraccio,

Flaminia