casatiello-napoletano
Colomba
, Uovo di Pasqua, pastiera.
Sono sicura amici che in questi giorni di festa questi golosi dolci avranno adornato le vostre tavole e fatto felici grandi e piccini.
Ma io vi avevo promesso una ricetta speciale, che ha il sapore, il colore e la dolcezza delle mie origini: il Casatiello napoletano!
Gino Sorbillo, famoso pizzaiolo di Napoli, con mia grande felicità e onore mi ha donato la Sua famosa ricetta segreta pregandoni di riportare le sue parole: “Il Casatiello rappresenta l’arrivo della Pasqua e della Primavera. Ricordo che da bambino mi divertivo a tagliare gli ingredienti a dadini con mia sorella. Noi ragazzi lo mangiavamo addirittura in spiaggia e sentivamo già l’arrivo dell’estate.”
Oltre ai ricordi, Gino mi sottolinea il valore etico di questo dolce: “è una ricetta contro lo spreco, perché vengono utilizzati salumi e formaggi dimenticati in frigorifero o in cantina. È la cultura del non buttare via niente di buono”.
E di cose buone qui ce ne sono…pronti?;)

INGREDIENTI:
- 1kg di farina 0
- 550 g acqua
- 150 g di strutto
- una bustina di lievito di birra liofilizzato
- sale qb.
- pepe qb.
- 300-350 g di formaggi stagionati
- 300-350 g di salumi misti
- 8 uova (sode)
- 1 uovo (per spennellare)

PREPARAZIONE:
Sciogliete il lievito in acqua tiepida, unite la farina e iniziate l’impasto, unite poi lo strutto, il sale e il pepe (a piacere), poi coprite il composto e fate riposare qualche ora (finché sarà aumentato i volume). Stendete il composto sulla spianatoia (tenendone da parte un pezzo per le grate delle uova) ricavando un ovale, spennellatelo con poco strutto , distribuitevi i formaggi misti (grana padano, parmigiano reggiano, pecorino, provolone ecc. grattugiati ), i salumi misti (salame napoletano, coppa, prosciutto cotto e crudo, ciccioli ecc) e 4 uova sode tagliati a cubetti. Arrotolate l’impasto partendo dalla parte lunga, chiudetelo a anello infilando un’estremità nell’altra e disponetelo in uno stampo a ciambella, unto di strutto, dal diametro di circa 35 cm per 9 d’altezza, lasciando il punto di chiusura sul fondo. Spennellate il casatiello con l’uovo sbattuto, poi con le mani ricavate quattro fossette e incastratevi 4 uova sode. Con la pasta tenuta da parte ricavate delle strisce e fissatele a x sulle uova. Fate lievitare ancora il casatiello, diverse ore, anche un giorno intero (in questo caso al fresco) e cuocetelo in forno già caldo a 180° per circa 60′ o comunque fino a cottura.

È proprio vero amici, le cose fatte col cuore non sono solo buone. “Sanno di buono”.

Con affetto. Auguri a tutti voi,

Flaminia❤️