babbo_natale
Niente regali, niente viaggi, niente soldi, voglio solo la felicità, quella assoluta, quella dell’anima, quella che non si può comprare o regalare, quella che se la trovi, te la tieni talmente stretta, che fai fatica anche a respirare.

In fondo amici se faccio un bilancio di questo anno me la sono proprio meritata, quindi perchè non dovrei essere accontentata dal buon vecchietto dalla barba bianca? Già ma chi glielo spiega che prima sarebbe meglio che parlesse col mio terapista?!

A parte gli scherzi, come siamo complicati noi adulti di oggi amici.

Una volta, da bambini, trovavamo la felicità nelle piccole cose, ed ogni regalo ricevuto era un sorriso assicurato. Crescendo invece ci siamo dimenticati di vivere questa sensazione nel quotidiano, rimanendo sempre in attesa solo di grandi occasioni e così facendo abbiamo iniziato a perdere tanti momenti magici. Questo per carità fa parte del processo di crescita di ogni essere umano, ma nonostante sia consapevole che il concetto di felicità sia soggettivo e che riguardi il singolo percorso di vita di ciascuno di voi, fatto di gioia e di dolore, come augurio di Natale io quest’anno voglio citarvi le bellissime parole di Roberto Benigni tratte dal suo monologo sulla Felicità, perchè sono convinta che sia in assoluto il miglior regalo che possa farvi, qualora vi scordaste di (poter) essere felici anche con poco.

Buon Natale a voi tutti amici. Con grande affetto,

Flaminia❤️

“La felicità, si la felicità a proposito di felicità cercatela tutti i giorni continuamente,

anzi chiunque mi ascolti ora si metta in cerca della felicità, ora in questo momento stesso, perchè è lì, ce l’avete, ce l’abbiamo perchè l’hanno data a tutti noi,
ce l’hanno data in dono quando eravamo piccoli ce l’hanno data in regalo, in dote, ed era un regalo così bello che l’abbiamo nascosto come fanno i cani con l’osso quando lo nascondono e molti di noi l’hanno nascosto così bene che non si ricordano dove l’hanno messo.
Ma ce l’abbiamo, ce l’avete, guardate in tutti i ripostigli, gli scaffali, gli scomparti della vostra anima, buttate tutto all’aria, i cassetti i comodini che c’avete dentro, vedrete che esce fuori, c’è la felicità, provate a voltarvi di scatto magari la pigliate di sorpresa, ma è lì, dobbiamo pensarci sempre alla felicità e anche se lei qualche volta si dimentica di noi, noi non ci dobbiamo mai dimenticare di lei, fino all’ultimo giorno della nostra vita…
e anche se lei si dimentica di noi, noi non ci dobbiamo mai dimenticare di lei, fino all’ultimo giorno della nostra vita,
fino all’ultimo giorno della nostra vita.”

(Roberto Benigni)