giovedi 23 novembre 2017

amore

Odio e amo

3001328457_1a7a0ecaff_b

“Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
Nescio, sed fieri sentio et excrucior.”

“Odio e amo. Per quale motivo io lo faccia, forse ti chiederai.
Non lo so, ma sento che accade, e mi tormento.”

Gaio Valerio Catullo, carme 85 -I secolo a.C.

In due righe, tutto l’Amore possibile, inimmaginabile, feroce, disarmante.
Davanti ad esso siamo tutti, in egual misura, vulnerabili.

Non c’è scampo.

A chi ama.
Ieri, oggi, domani.

Flaminia❤️

Il fascino silenzioso dell’inverno

12650257_10153991798504382_501013653_n
Buongiorno a voi miei cari amici e buona domenica.
Amo questo giorno della settimana, tutto scorre più lento, è un momento di pausa reale, non ci sono obblighi, non ci sono regole.
La mia casa diventa un guscio caldo e avvolgente da cui non voglio uscire, mi piace il suo prendersi cura di me, il suo silenzio, il suo disarmante senso di protezione, mi accorgo di amarla ancora di più.

D’inverno questo sentimento si fa ancora più forte ed il mio desiderio di lei è incontenibile. Potrei trascorrerci ore intere, senza annoiarmi mai.
Amo l’inverno anche per questo. Ed oggi il mio momento di pausa lo dedico a lui. Continua a leggere

AMORE. Solamente amore. Solo solo quello.

scultura-burning-man-festival-adulti-bambini-amore-love-alexander-milov-335
Ciao amici buon pomeriggio,
oggi Scrittura Emotiva compie due anni e l’unica parola che mi viene in mente per descrivere questo progetto è: AMORE.

Con questo sentimento scrivo i miei articoli e con questo sentimento vivo la mia vita.

Voglio festeggiare con voi in questo momento di pausa caffè, condivedendo l’emozione che mi ha suscitato l’opera dell’artista ucraino Alexander Milov: “LOVE”, presentata al Burming Man Festival di quest’anno perchè la sento molto vicina a me e a questo blog.

La scultura rappresenta un conflitto tra un uomo e una donna, “un’espressione interiore della natura umana”.
I due adulti si danno le spalle, ma in realtà vorrebbero toccarsi e amarsi. Sarà il bambino che c’è dentro di loro, a farglielo fare, al calar della notte. Solo i due bambini infatti di notte si illuminano, come simbolo di “purezza e sincerità, che unisce le persone e dà la possibilità di riavvicinarsi quando arriva un periodo buio”. Continua a leggere

Gli amici di Venezia, una “marmellata” di solidarietà!

IMG_4290
Oggi amici, in questo momento di pausa caffè, voglio raccontarvi una Storia molto speciale che ha a che fare con la Solidarietà.

Circa un anno fa mi trovavo a Venezia per lavoro. Dovevo andare a trovare il signor Giorgio Girelli nella sua Falegnameria per proporgli un’attività di comunicazione online. Il colloquio andò bene ma prima di andarmene con fare gentile e divertito mi pregò di seguirlo in un’altra stanza.
Non credo che indovinereste mai quello che vidi, visto che in una falegnameria giustamente ci si aspetta di trovare solo macchinari e attrezzi da lavoro.
Bè io in quella stanza ho scoperto un Mondo che mi ha fatto tornare bambina, mi ha regalato un sorriso e mi ha scaldato il cuore.
Ed è proprio da qui che parte questa bellissima Storia.

Sentivo odore di dolce già da un bel pò, ma mi dicevo verrà da fuori, da un forno vicino magari, certo è che era così buono che la fame si stava facendo sentire sempre di più. L’enigma fu svelato quando il Signor Girelli mi portò nella sua stanza preferita: la stanza delle marmellate!
Ecco cos’era quel delizioso profumino! Si perchè questo simpatico signore nascondeva un segreto molto dolce: una passione fortissima per le marmellate fatte in casa, che lui stesso in grandi pentoloni preparava mescolando pezzi di frutta e rum.
La domanda mi sorse spontanea: “Signor Girelli ma lei che ci fa con tutta questa marmellata, deve avere una famiglia molto numerosa!”
Più che numerosa mi disse, se pensi a tutti gli adulti e bambini del Terzo Mondo che ne fanno parte! Continua a leggere

“La cosa più bella che ci sia al mondo”

festa-della-mamma1
Auguri a tutte le  meravigliose mamme del mondo a cui dedico questa citazione presa da un classico Disney, Peter Pan.
Compresa la mia che, nonostante sia cresciuta, riesce ancora a farmi sentire la sua bambolina.

“Intanto finita la festa al campo indiano, i Bimbi Sperduti sono tornati al nascondiglio. Seduti vicino a Wendy, le chiedono che cosa è una mamma. Così la ragazzina spiega: “Una mamma, una vera mamma è la cosa più bella che ci sia al mondo!

Perchè per una mamma un figlio non ha età, e a noi sentirci ancora bambini scalda il cuore.

A Rosalba, la mia mamma.

Flaminia❤️

Libro del Mese

Il veleno dell'oleandro   

51nrnzr5dhl-_sx318_bo1204203200_

Pedrara. La Sicilia dei Monti Iblei. Una villa perduta sotto alte pareti di roccia...

procedi