giovedi 23 novembre 2017

cultura

Il mondo di Giulia

iosonoio

Se la guardi dritto negli occhi ti ci perdi. Ma non è solo quel color azzuro ghiaccio che ti frega, è tutto ciò che lei non dice che ti affascina.

È questo Giulia quello che mi ha colpito subito di te, quando ti ho conosciuta.

Io ero quella che parlava, tu quella che ascoltava. Io ero quella curiosa, tu quella schiva. Poi però ti ho dato fiducia, e tu mi hai portato nel tuo Mondo.
Ricordo molto bene il giorno che ho visto i tuoi lavori per la prima volta, fu amore a vista. C’erano pezzi di ritagli di giornale sparzi un pò dappertutto in quella stanza. Per me fu come vederti per la prima volta. Tu eri in ogni immagine, parola o sillaba scelta, tu eri il bianco e il nero o il colore, tu eri lì punto. E in quel momento magico hai dato risposta ad ogni mia domanda.

Da quel momento, come sai, sono passati un pò di anni, ma non mi meraviglia averti ritrovato artista a tutto tondo con una mostra personale, la seconda per essere precisi.
I tuoi nuovi collage, sono bellissimi. Parlano dritti al cuore delle persone. (In questo non sei cambiata.)
Ma è vero c’è stata un’evoluzione. Tu che, come mi hai sempre detto, trai ispirazione dalle persone, dai sentimenti e dal quotidiano, oggi mi trascini  in un mondo nuovo, fatto di colore e leggi ben precise. Il tuo schema mentale ora è più chiaro e questa volta non mi vuoi solo come osservatore della realtà, ma come partner in crime delle tue tele, per ridestarmi e far nascere in me nuovi impeti.

Così, mi sono vista Giulia. Io sono il pesce che parla alla sirena, le tue parole sono le mie:

“Nel nero della mia anima scura io tremo nella paura di non saper riconoscere cosa sono e cosa potrei divenire, in un domani incerto, ma così pieno di sole”.
ilpesceelasirena

 

“INTERAZIONI”, una mostra di GIULIA GENSINI
dal 19 febbraio 2016 – all’11 marzo 2016
ARTHES GALLERY, via GIULIA 111, ROMA

Grazie per questo viaggio.
Con affetto,

Flaminia❤️

 

“Guardate le stelle invece dei vostri piedi”

12575845_10153965908729382_798945243_n
Ciao amici buongiorno,

sapete ci ho messo un pò a trovare l’ispirazione per quello che volevo fosse il primo articolo del 2016 di Scrittura Emotiva, per questo vi prego di scusarmi se vi siete sentiti trascurati, perchè invece siete sempre stati nei miei pensieri.

Non so se anche per voi sia così, ma io ogni volta che arriva un nuovo anno inizio a compilare la lista dei buoni propositi: farò, dirò, andrò, chiamerò…Mi fa stare bene pensare che “riuscirò” (forse), a raggiungere ognuno di questi obbiettivi.
In effetti c’è un non so che di incoraggiante nell’inizio dell’anno. Tu stai lì che aspetti con ansia che quella benedetta lancetta arrivi a toccare la mezzanotte del 1°di Gennaio e poi finalmente come per magia ti senti un pò più leggero, in fondo se sei sopravvissuto alle difficoltà dell’anno precedente , quello successivo non può che essere migliore. Per sicurezza ti rivolgi un attimo a Lui lassù, occhieggiando come il gatto di Shrek e infine brindi al futuro, ad un nuovo inizio, una nuova era. Continua a leggere

“Il coraggioso muore una volta, il codardo cento volte al giorno.” Giovanni Falcone

giovanni-falcone
Il 23 Maggio del 1992 è una data che non si dimentica.
Io avevo solo 12 anni, una bambina, abbastanza grande però da capire che quel giorno doveva essere successo qualcosa di molto grave per inchiodare mio padre davanti al televisore. Papà poi mi spiegò che era morto un uomo molto importante. Non ricordo altro, ma la tristezza nei suoi occhi, quella me la ricordo bene. Fu molto più tardi che capii davvero cosa e chi intendesse papà per “importante”: Giovanni Salvatore Augusto Falcone, magistrato italiano assassinato con la moglie Francesca Morvillo e tre uomini della scorta a Capaci per opera di Cosa Nostra.

Oggi,  a 34 di anni, con qualche nozione in più su quest’uomo che quel 23 maggio fece piangere mio papà, mi sento in dovere di ricordare con voi questo tragico evento per non dimenticarlo, e per non dimenticare mai le sue parole: “il coraggioso muore una volta, il codardo cento volte al giorno”.

Un caffè. Forte? Si. Voglio diventare coraggiosa.

Flaminia❤️

Barcellona tra fiori e cultura. Vamos!

Condes-de-Barcelona
Amici lettori e amici innamorati, state pronti.
Il 23 Aprile Barcellona celebra la festa di “Sant Jordi” e la Giornata mondiale del libro, quando gli uomini regalano una rosa alle donne amate, che ricambiano con un volume. Io ci sono stata tre anni fa e vi assicuro che lo spettacolo è unico: bancarelle colme di libri a ogni angolo, venditori di rose e fiumi di persone alla ricerca di nuove letture.
Continua a leggere

Dedicato a tutti coloro che vedono le cose in modo diverso.

“Perchè solo coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il Mondo, lo cambiano davvero.

Fateci un pensiero….Buonanotte amici;)

Flaminia♥︎

Libro del Mese

Il veleno dell'oleandro   

51nrnzr5dhl-_sx318_bo1204203200_

Pedrara. La Sicilia dei Monti Iblei. Una villa perduta sotto alte pareti di roccia...

procedi